Bahr: 3rd Place Theory Can Improve Your Store, Right Now

Bahr: I vantaggi immediati della teoria del terzo luogo per il tuo negozio

15 Novembre 2017 | 4 min di lettura

A cura di Michael Bahr, socio amministratore di Desert Sky Games and Comics

La comprensione della teoria del terzo luogo è uno dei compiti fondamentali per i negozi di giochi. Si tratta di un percorso che conduce a una monetizzazione sostenibile ed efficace del tuo spazio di lavoro e non richiede la gestione di un magazzino enorme, l’applicazione di sconti eccessivi o un drastico taglio delle spese a discapito dell’esperienza dei clienti.

Se segui questo sito, il mio blog o il blog di Gary Ray, saprai di cosa sto parlando. Il “primo luogo” è la propria casa, il “secondo” il posto di lavoro. Quasi tutti trascorrono la maggior parte del proprio tempo in uno di questi due luoghi.

Il terzo luogo è quello in cui ci si reca per socializzare.

Caffetterie, centri benessere, biblioteche e così via: se il primo luogo è destinato alla vita domestica e il secondo è dedicato alla vita lavorativa, nel terzo luogo ci si ritrova con la comunità.

L’ideatore della teoria, Ray Oldenburg, fornisce un elenco delle caratteristiche fondamentali di un terzo luogo:

  • Ingresso gratuito o a costo ridotto
  • Disponibilità di cibo e bevande
  • Vicinanza
  • Presenza di visitatori abituali
  • Possibilità di ritrovarsi con vecchi amici e conoscerne di nuovi
  • Accoglienza calorosa

Altre persone hanno ampliato l’elenco di Oldenburg, ma iniziamo da quanto segue:

Ingresso gratuito o a costo ridotto. Un terzo luogo non è come un concerto, per cui si paga un prezzo relativamente elevato per assistere passivamente a uno spettacolo. È pensato per la partecipazione attiva, e più gente c’è, maggiore sarà l’interazione.

Vicinanza. Il tempo dedicato agli spostamenti non può essere investito in alcuno dei tre luoghi. Molte persone percorrono lunghi tragitti per raggiungere il posto di lavoro. Nessuno ha voglia di percorrerli di nuovo per raggiungere un luogo dove potersi rilassare e divertire.

I visitatori abituali vengono da sé: se il terzo luogo funziona, le persone torneranno di propria volontà. E se si tratta di un ambiente aperto a tutti e accogliente, potranno ritrovare vecchi amici e conoscerne di nuovi.

Qual è il vantaggio economico in tutto questo?

Come ho detto in un articolo precedente, anche se il tuo negozio si differenzia dagli altri, non riuscirai a sopravvivere senza profitti.

La teoria del terzo luogo genera profitti poiché contribuisce a creare una sorta di “legame” per cui il tuo negozio diventa il terzo luogo di qualcuno. Una volta creato questo legame, avrai una clientela che adora il tuo negozio per quello che è. E una volta raggiunto questo obiettivo, la monetizzazione sarà garantita.

Alcune strategie per il terzo luogo andrebbero applicate prima ancora dell’apertura di un negozio, ma ce ne sono altre che puoi adottare in qualsiasi momento. In entrambi i casi, la teoria del terzo luogo riveste un ruolo di base.

Ecco le strategie che puoi mettere in pratica subito:

1. Esponi un codice di condotta. Anche se non è particolarmente originale, mentre lo redigi potrai pensare alla formazione dei tuoi dipendenti, all’immagine del tuo marchio e al tessuto sociale del tuo spazio di gioco.

2. Punta sull’impatto visivo. I tuoi clienti non compreranno tutto ciò che attira la loro attenzione, ma dovrebbero almeno “vedere” cose interessanti. Non acquistare articoli o elementi decorativi tanto per averli, ma fai comunque in modo che anche l’occhio abbia la sua parte.

3. Concentrati sull’acquisizione. Le frizioni non sono positive per nessuno. Cerca di trasformare gli acquirenti in clienti abituali grazie a un processo di vendita efficiente e a un negozio ad alto impatto visivo, e pensa sempre che le persone che entrano in negozio sono curiose di vedere cos’hai da offrire.

Ecco invece le strategie da adottare quando apri un negozio o vuoi espandere la tua attività:

1. Individua una community che non si senta legata a un terzo luogo. Concentrati sulle persone che non sono servite come vorrebbero da un altro negozio. Pensa che l’altro negozio è già il terzo luogo per alcuni giocatori.

2. Determina se è il caso di creare spazi separati per le diverse tipologie di giocatori. È vero che la privacy è importante, ma i giocatori vogliono anche sentirsi integrati. Questa componente gioca un ruolo fondamentale nella pianificazione della struttura del tuo negozio e può rivelarsi costosa, quindi può valere la pena di consultare un architetto.

3. Se stai valutando la possibilità di servire cibo e bevande, devi pensarci adesso o mai più. Con cibo e bevande potrai ottenere un guadagno economico anche se chi entra in negozio non acquista nient’altro, ma dovrai rivoluzionare il tuo piano aziendale.

La tua attività deve essere in grado di sostenersi da sola. Per raggiungere tale obiettivo, devi offrire un grande valore aggiunto a chi entra in negozio per la prima volta.

Se il tuo negozio riesce a diventare il terzo luogo di quelle persone, avrai creato un punto di incontro in cui la tua community investirà volentieri il proprio denaro.

La Lega di Magic si sposa alla perfezione con la teoria del terzo luogo. Registrati per la Lega di Rivali di Ixalan oggi stesso e riceverai carte promo che ti aiuteranno a introdurre i principianti al gioco abituale in negozio.

Michael Bahr è socio amministratore di Desert Sky Games and Comics, negozio con due sedi nella zona di Phoenix. È stato un arbitro di livello 3 per quattro anni, è laureato in legge all’Università statale dell’Arizona e ha lavorato per sette anni nell’amministrazione del sistema sanitario statale.

Wizards non appoggia, non consiglia e non rilascia alcuna dichiarazione in merito agli autori e ai libri menzionati o alle opinioni espresse nel presente articolo.

Domande frequenti

Consulta le risposte alle domande frequenti sul Wizards Play Network

Hai una domanda da fare?

Contattaci!