Una piccola variante che fa la differenza per Masters 25

5 Marzo 2018 | 3 min di lettura

Masters 25 adotta un approccio leggermente diverso per il draft, che si discosta dalla formula seguita negli ultimi anni.

Cosa rende l’esperienza di draft per Masters 25 così speciale? Cominciamo innanzitutto con una breve panoramica dell’espansione:

1. È un vero e proprio “mix”, contenente carte stampate a decenni di distanza l’una dall’altra, con sinergie non previste in fase di sviluppo. È un po’ come quando, in Commander, delle carte potenti possono essere combinate con altre meno forti, offrendo risultati inaspettatamente soddisfacenti.

2. Farà provare un po’ di nostalgia a tutti i giocatori, indipendentemente da quando abbiano iniziato a giocare. Include infatti una carta di tutte le espansioni principali di Magic, da Rivali di Ixalan fino agli esordi con Alpha.

3. Contiene carte storiche e potenti. Per i giocatori sarà come draftare una squadra di campioni, poiché potranno combinare alcune delle carte migliori di ogni epoca di Magic. Scopri cosa voglio dire qui.

Ovviamente, questa descrizione potrebbe riferirsi a tutte le uscite di Masters pubblicate finora, da quelle più amate, come Modern Masters, a quelle che non hanno riscosso altrettanto successo (e qui mi fermo, ma saprai sicuramente di cosa sto parlando). Ed ecco che entra in gioco la piccola variante che differenzia Masters 25 dalle altre espansioni della serie e la colloca di diritto nella prima categoria:

Niente archetipi per il draft.

Grazie all’inclusione di almeno una carta di ogni espansione principale, Masters 25 offre l’opportunità di giocare esemplari storici estremamente potenti, e non solo le macchine da guerra per Constructed, ma anche alcune carte davvero memorabili per i formati di draft più gettonati.

Questo mi riporta alla variante in questione: non ci sono archetipi per il draft. Grazie al ritorno di pezzi potenti e a sorprendenti cambi di rarità, Masters 25 si concentra su singole carte e combo, premiando la curiosità e l’ingegno dei giocatori anziché la loro conoscenza delle coppie di colori. È una leggera variazione che tuttavia si discosta notevolmente dal concetto di draft abituale.

Prendiamo ad esempio Promise of Bunrei: diventa non comune, offrendo ai giocatori l’opportunità di mettere alla prova la sua sinergia con carte come Phyrexian Ghoul.

Oppure Horseshoe Crab: in Saga di Urza, tutti volevano incantarlo con Aure ed Equipaggiamenti in grado di fornire abilità, che in questa espansione abbondano, a cominciare da Heavy Arbalest.

Inoltre, ci sono carte comuni molto forti che permettono di adottare tattiche di gioco vecchio stile, come “Sligh” (un tipo di mazzo aggro rosso che inizia con creature economiche e finisce con degli spari), “Draw-Go Control” (in cui vengono lanciate prevalentemente magie di neutralizzazione) e “Ponza” (un mazzo di controllo rosso basato sulla distruzione di terre).

E potrei proseguire all’infinito... In sostanza, Masters 25 è molto più di una raccolta di ristampe ambite: offre anche un’esperienza di draft unica che farà alzare notevolmente la domanda.

Sei ancora in tempo per effettuare la tua preordinazione o aumentare le quantità prenotate in precedenza: contatta il tuo distributore oggi stesso e inizia a promuovere i tuoi eventi Booster Draft di Masters 25!

A cura di Jordan Comar